Contrabbasso

Struttura

Il Contrabbasso è il più voluminoso della famiglia degli Archi perché è alto circa 170 cm: rispetto ai colleghi possiede però l’archetto più corto (65 cm circa).
Può avere, a differenza degli altri membri della famiglia, non quattro corde accordate Mi, La, Re, Sol, ma cinque, la quinta in Do.

Questo Do può essere ottenuto anche nei normali strumenti a quattro corde con un particolare congegno che allenta e tasta meccanicamente la corda Mi.
Poiché la dimensione delle corde è notevole, per facilitarne l’accordatura, al posto del consueto pirolo, si usa un sistema meccanico che consente una maggiore forza nelle tensione.

Tecnica

Per le sue dimensione viene appoggiato a terra, come il violoncello, ma, essendo ancora più alto, deve essere suonato stando in piedi.
Il suo archetto, inoltre, viene talvolta impugnato con il palmo della mano rivolto verso l’alto.
Le dimensioni e la forma del Contrabbasso costringono lo strumentista a notevoli sforzi per manovrare l’arco e per tastare le corde.

Diffusione

Una volta si chiamava Violone e fino al Settecento possedeva tre sole corde. La versione a cinque, che consente di ampliare la sue estensione verso il grave, iniziò a diffondersi nel Novecento.
A differenza degli altri membri dalla famiglia, il Contrabbasso, è l’unico che non si è affermato, malgrado l’attività di vari “virtuosi”, come strumento solista.

Solo nella musica Jazz il Contrabbasso, in particolare quello a cinque corde, viene usato in questa veste, ma suonato generalmente a corde pizzicate. Un celebre Contrabbassista Jazz è stato, Charlie Mingus.

Timbro

Dalla voce assai cupa, è uno strumento poco adatto ad eseguire passi cantabili e d’agilità: proprio per questo Camille Saint-Saëns, ne Il carnevale degli animali, gli fa comicamente interpretare la parte dell’elefante; è l’ideale invece per eseguire frasi di sottofondo e di sostegno armonico. Quando deve reggere l’armonia, il Contrabbasso spesso raddoppia, all’ottava bassa, la parte del Violoncello, in modo da conferire al discorso una maggiore ricchezza timbrica.

Particolarità

Anche se di per sé è già uno strumento ingombrante, del Contrabbasso sono stati costruiti modelli di dimensioni ancora maggiori del normale: in un museo di Londra ne esiste un esemplare del 1600 alto ben 245 cm. Al Museo del Conservatorio di Parigi è esposto l’Octobass, un Contrabbasso altro ben 420 centimetri: per suonare l’esecutore doveva salire su una gradinata e azionare l’archetto meccanicamente.

Buona Musica!